Skip to main content

Una novità nel ringiovanimento del volto

Una novità nel ringiovanimento del volto.

È da tempo (direi da 20 anni) che i laser sono entrati nella mia vita professionale. E’ una tecnologia versatile e insostituibile oggi quando si tratta di rimozione di piccole formazioni cutanee (verruche, fibromi penduli, cheratosi, etc.). Negli ultimi anni questa tecnologia si è arricchita di alcune funzioni che permettono anche un ottimo ringiovanimento della pelle: miglioramento delle macchie, riduzione dei pori e delle piccole rughe. Si tratta di laser CO2 frazionato.
laser frazionato perioculareÈ un particolare tipo di laser che agisce sulla pelle creando dei piccoli fori che permettono una veloce rigenerazione cutanea. Questo processo è accompagnato della produzione di collagene e ridistribuzione più regolare del pigmento. Come risultato la pelle risulta più omogena di colore, più luminosa, più turgida e, di conseguenza, più giovane.

Particolarmente interessante in questa ottica è il trattamento delle piccole rughe intorno agli occhi oppure le rughe verticali della bocca.

laser co2 frazionato

dopo una sola seduta

Anche le smagliature possono essere trattate con questa metodica.

Dal punto di vista medico, è la procedura di prima scelta nel trattamento delle cicatrici, sia da acne che post-traumatiche.

In genere sono richieste 3-5 sedute a seconda delle condizioni della pelle e dello scopo del trattamento.

Il periodo di recupero, caratterizzato dal rossore (variabile) e microscopiche crosticine, può durare da 3 a 5 gg a seconda dell’energia che si decide di utilizzare: i parametri più potenti richiedono qualche giorno in più, però i risultati si vedono prima.

smartxide deka

Da quest’autunno questo laser dell’ultima generazione (SmartXide Punto DEKA) è disponibile anche presso il mio studio.

Come sempre per ulteriori informazioni potete contattarmi personalmente.

  • Creato il .

Cosa c'entrano le castagne con le spazzole per lo shampoo?

Per non chiudere il cancello quando i buoi sono già scappati, cerchiamo di anticipare gli eventi sgradevoli in arrivo.

Senza entrare nelle problematiche dell’universo quantico, parlerò della caduta dei capelli tipica dell’autunno.

Pur essendo ancora lontani dal periodo di caduta delle castagne, dobbiamo prepararci all’evento.

 

hair loss, caduta capelli

Intanto, come mai tendiamo a perdere più capelli del solito proprio alla fine dell’autunno, nel periodo in cui le castagne maturano? E’ ovvio che questo delizioso frutto non ha niente a che fare con i nostri capelli. Piuttosto ci sono due fattori che hanno un ruolo importante: il sole e la riduzione delle ore di luce.

Il primo fattore è poco conosciuto, dipende dal fatto che un’intensa esposizione al sole porta alla morte di alcune cellule del bulbo pilifero che avviene nei mesi estivi, però gli effetti si vedono solo in autunno. Siamo ormai abituati a proteggere la pelle con le creme solari, ma non pensiamo ai capelli ed il cuoio capelluto.

 

hais loss, perdita capelli

Il secondo fattore è legato alla luce, piuttosto alla riduzione delle ore di luce. Questo fenomeno interferisce con la produzione della melatonina, l’ormone conosciuto prevalentemente per la sua funzione della regolazione del sonno. Di fatto, partecipa in tante altre funzioni metaboliche e non ultima è quella di regolare la crescita dei capelli.

Come possiamo ridurre l’impatto di questi fattori e contenere la quantità di capelli persi?

Prima di tutto la fotoprotezione: dei prodotti specifici con filtri solari per i capelli, un cappello da portare più spesso possibile potrebbero ridurre l’effetto negativo del sole sul cuoio capelluto e di conseguenza la successiva caduta dei capelli.

Il secondo fattore è difficile da contrastare, tuttavia, una corretta alimentazione (per garantire la presenza di tutti i nutrienti indispensabili per la crescita dei capelli), un’integrazione alimentare specifica, una regolare attività fisica (per riattivare la microcircolazione periferica, quindi, anche dei bulbi piliferi), rispetto del ritmo sonno-veglia possono ridurre l’impatto negativo sui capelli.

 

shampoo massager, spazzola per shampoo

In termini di attivazione del microcircolo, è interessante un nuovo trend della spazzola per lo shampoo. In effetti, questo oggetto, in genere, in silicone, durante il lavaggio dei capelli riesce a rimuovere le cellule morte, depositi di smog e polvere più facilmente. Inoltre, la spazzola durante lo shampoo districa i capelli rendendo più facile l’applicazione del balsamo e il risciacquo finale. Il massaggio che produce aiuta ad attivare il microcircolo periferico del cuoio capelluto e nutrire meglio i follicoli piliferi. I capelli vi ringrazieranno!

Altri consigli per la cura della pelle dopo l'estate si trovano qui.

Sono disponibile come sempre per ulteriori informazioni.

shampoo massager, hairbrush, hair brush, hair loss, caduta dei castagni, caduta di capelli, curare capelli, sole e capelli

  • Creato il .

Onicomicosi: come guarire

L’onicomicosi, oppure detto popolarmente “fungo delle unghie”, è una malattia che colpisce la lamina ungueale delle dita delle mani o, più frequentemente, dei piedi.

La onicomicosi è causata dai funghi cosiddetti dermatofiti. Sono cheratinofili, quindi si nutrono di cheratina e di conseguenza possono invadere unghie, capelli, strati superficiali dell’epidermide.

Non tutte le alterazioni delle unghie dipendono da infezione micotica. Il più delle volte quando le unghie sono ispessite, distaccate dal letto ungueale, di colorazione gialla, grigiastra, verde o nera, si tratta di malattie di carattere generale, traumi oppure semplice invecchiamento.

Lo specialista che può fare una diagnosi di certezza è dermatologo. Attraverso esame clinico ed esami di laboratorio si riesce ad individuare la tipologia del fungo e la terapia più efficace, locale (smalti) oppure orale (farmaci presi per bocca). Visto che la terapia per l’onicomicosi può durare mesi (3-4 mesi per le unghie delle mani e fino a 12 mesi per quelle dei piedi), è molto importante avere il Nome ed il Cognome (figurativamente parlando) del fungo. Prendere un antimicotico a caso può non essere salutare per il vostro fegato e, oltretutto, inefficace per la soluzione del problema.

Oltre alle terapie locali e orali, oggi esiste un valido aiuto che viene dal mondo delle tecnologie. Si tratta di laserterapia. Un particolare tipo di laser è risultato molto efficace come la terapia singola oppure in associazione con le terapie tradizionali. L’azione del laser sulla lamina ungueale provoca un riscaldamento che risulta letale per alcuni tipi di funghi e loro spore. Il vantaggio consiste nella possibilità di evitare la terapia orale ed accelerare il ripristino dell’aspetto normale delle unghie.

onicomicosi, fungo delle unghie, laser per curare unghie

Risultato dopo laserterapia


Come sempre per maggiori informazioni potete contattarmi personalmente.

  • Creato il .

Come evitare i danni da mascherine



Da svariati mesi noto un aumento di richieste di visite dermatologiche in seguito alle irritazioni, infiammazioni della pelle del viso. Non pochi pazienti riferiscono il peggioramento di acne, di rosacea, di dermatiti da contatto. Anche le persone che non hanno mai avuto problemi con la pelle del viso riferiscono sensazioni di sensibilità, facile irritabilità, comparsa di arrossamenti e ruvidità cutanea. Le maschere più occlusive (FFP2, FFP3) possono portare anche lesioni da sfregamento, piccole escoriazioni.

Inutile negare: le mascherine sono indispensabili nell’attuale periodo storico. Dobbiamo portarle. Allora diventa importante seguire alcune regole per evitare che questo peggiori le condizioni della pelle.

Ecco cosa dobbiamo fare:

  1. Bisognerebbe stare attenti al tipo di materiale di cui le mascherine sono fatte: il certificato CE deve essere presente e il colore deve essere bianco.
  2. Se la mascherina è lavabile, va lavata ogni giorno con un minimo di sapone delicato e risciacquata molto bene per non lasciare i residui delle sostanze chimiche che potrebbero aggravare la sensibilità della pelle. Se non è lavabile va cambiata con la regolarità.
  3. Nella scelta dei prodotti da applicare quotidianamente previlegiamo ingredienti naturali, non irritanti, non comedogenici. La sera è bene applicare una crema idratante lenitiva. Chi segue le cure per le patologie cutanee (acne, rosacea, etc.) dovrebbe aggiustarle con il proprio dermatologo.
  4. Non dimentichiamo la protezione solare la mattina: il tessuto delle maschere fa penetrare i raggi solari.
  5. L’alimentazione può aiutarci: un regime povero di zuccheri e latticini, ricco di verdure di stagione ha un effetto antinfiammatorio.

Come sempre potete contattarmi personalmente per ulteriori informazioni

 

dermatite, curare dermatite, danno da mascherine, dermatite mascherina, mascherina, peggioramento acne, regole mascherine

  • Creato il .

Innovativo trattamento del grasso localizzato e cellulite

 

Con l’avvicinarsi della stagione del mare, diventa sempre più attuale la questione della prova costume. Quest’anno le condizioni generali non sono state favorevoli, anche i più volenterosi e attivi hanno perso un po' di controllo sul proprio fisico: palestre chiuse, ansia del virus placata dal cibo, etc. Il sondaggio internazionale di Ipsos - condotto in 30 Paesi - ha esaminato l'impatto del Coronavirus sulla nostra salute e benessere, rivelando che il 31% della popolazione mondiale ha aumentato il proprio peso. Triste realtà!

Da circa 6 mesi è entrata a far parte della mia attività professionale una nuova tecnologia che aiuta a combattere sia il grasso localizzato (addome, fianchi, braccia, doppio mento) sia la cellulite. Ho avuto modo di testare l’apparecchio anche su di me constatando un tangibile effetto fin dalla prima seduta.

Di cosa si tratta? L’apparecchio si chiama ONDA Coolwaves ed è frutto del brevetto mondiale tutto italiano. Agisce selettivamente sul grasso, svuotando le cellule adipose e facendole disintegrare nel tempo.

La procedura non è invasiva, non è dolorosa, e dura circa 30-40 minuti. Sulla foto si vede il risultato del trattamento della cellulite dopo soli 2 sedute.

ONDA Coolwaves sfrutta le microonde e rappresenta una tecnologia totalmente innovativa, unica sul mercato. Non solo riduce il grasso, ma tonifica la pelle che in genere rimane flaccida dopo il dimagrimento.

I risultati sono definitivi se accompagnati da un regime alimentare adeguato e attività fisica regolare.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.coolwaves.it 

Oppure potete contattare direttamente me per ulteriori informazioni.

cellulite, grasso localizzato, trattamento cellulite, coolwaves, riduzione del grasso

  • Creato il .

Come rinnovare la pelle

Quando si tratta di rinnovare la pelle, il trattamento principe è il peeling. Si tratta di esfoliazione chimica dell’epidermide (lo strato più superficiale della pelle) che serve ad accelerare il rinnovamento cellulare attraverso la rimozione delle cellule morte.

Inoltre, i peeling moderni, così detti combinati perché contengono diversi principi attivi, riescono a stimolare la produzione del collagene e di sostanze fondamentali.

Come risultato finale otteniamo una pelle più luminosa, dal colorito più omogeneo e trama più compatta.

Oggi i peeling avanzati sono molto utili anche a combattere l’invecchiamento dovuto al danno solare. Si tratta di un processo legato alla prolungata esposizione al sole accumulata negli anni. Il sole porta tanti benefici all’organismo (miglioramento dell’umore, produzione della preziosa vit. D3, etc.).

 

Tuttavia, nello stesso tempo aggredisce il DNA cellulare e porta ad un invecchiamento precoce della pelle. Ecco dove può intervenire il dermatologo con un’esfoliazione chimica mirata. Applicando delle soluzioni peeling specifiche, possiamo stimolare il rinnovamento cellulare e ridurre il danno solare, quindi, ridurre il fotoinvecchiamento.

Nella mia pratica quotidiana uso dei peeling avanzati che, di fronte all’effetto di esfoliazione e biostimolazione potente, non creano rossore, sono confortevoli nell’applicazione (non provocano bruciore e prurito), permettono un ritorno alla vita sociale immediato.
peeling, TMC, ringiovanimento

Una delle soluzioni che induce effetti positivi sulla pelle molto velocemente (già dopo 2 sedute) è TMC 3+ Action. All’interno c’è un pool di acidi differenti, sostanze antiossidanti, ma anche DMAE, una molecola anti-aging che ha un effetto istantaneo sul tono muscolare. Subito dopo il trattamento la pelle appare più luminosa e tonica grazie all’azione sulle fibrille muscolari.

Quindi, otteniamo non solo un’efficace esfoliazione, una biorivitalizzazione, ma anche ringiovanimento cutaneo.

Sono a disposizione come sempre per ulteriori domande e informazioni

ringiovanimento, peeling chimici, esfoliazione, rinnovamento cutaneo, biostimolazione, pelle sana

  • Creato il .